All'inizio degli anni '90 il reparto R&D Albedo ha affrontato le problematiche tipiche delle linee di trasmissione formalizzando, per la prima volta al mondo, un rigoroso modello matematico descrittivo di questa particolare configurazione acustica. La prima conseguenza di queste conoscenze teoriche è stato lo sviluppo di numerosi software originali capaci di descrivere con grande accuratezza il comportamento di qualsiasi tipo di linea di trasmissione classica. Questo studio si è rivelato molto importante perché in grado di mettere in luce i limiti dei progetti sino ad allora esistenti e l’inconsistenza di molti miti relativi al concetto stesso di linea di trasmissione. Si è compreso, ad esempio, che il condotto riempito di materiale fibroso è perdente in termini di efficienza e dimensioni e che i parametri degli altoparlanti da utilizzare sono molto più critici e determinanti di quanto non si pensasse. Ma anche che la forma geometrica della linea influenza drasticamente il risultato finale. Insomma, la linea di trasmissione, benché conosciuta e studiata da oltre mezzo secolo, meritava maggior impegno in termini di studio e ricerca. Si   è   ricercato,   pertanto,   quale   fosse   il   materiale

fonoassorbente più idoneo e quale la sua migliore disposizione all’interno della linea, senza penalizzare irrimediabilmente l'efficienza del sistema. Uno studio lungo ed approfondito sui materiali sintetici, ecocompatibili e naturali, che la moderna industria mette a disposizione è riuscito alla fine a fornire le risposte cercate. Naturalmente questi principi di base sono stati affiancati dall’azione di altre soluzioni acustiche assolutamente originali quali i risonatori di Helmholtz utilizzati per meglio modellare l'emissione del condotto. Il risultato di tutte queste ricerche ha dato vita nel 1995 al primo progetto Albedo, un sistema di altoparlanti a due vie equipaggiato con un piccolo woofer di soli 10 cm di diametro, prodotto commercializzato dalla Apex Audio per il mercato italiano. Un buon successo commerciale a cui vanno aggiunte anche le ottime recensioni sulla stampa specializzata. In particolare su Fedeltà del Suono n. 46 (Apr. '96) e su AudioReview n. 164 (Nov. '96).
Tutta l'esperienza di Apex Audio, fatta di ricerca, software e competenza produttiva, è oggi confluita in Albedo.


News
01-05-2017
Albedo al Monaco High End 2017, Atrium 4.2 OG F223
Come tradizione, Albedo sarà presente alla più importante manifestazione internazionale di apparecch...
 
Approfondisci questa sezione
Il primo progetto Albedo, 1996
Il primo progetto Albedo, 1996.
Ingrandisci foto
Recensione primo progetto Albedo apparso su AudioReview N. 164 (NOV. '96)
Apex Audio - Audio Review
Recensione primo progetto Albedo apparso su Fedeltà del Suono N. 46 (APR. '96)
Apex Audio - Fedeltà del Suono

Prodotti