La scelta
La quasi totalità dei diffusori acustici presenti oggi sul mercato si basa essenzialmente su due principi: la sospensione pneumatica, ovvero la cassa chiusa, e il bass reflex, che prevede l’estensione delle parte bassa dello spettro attraverso lo stesso volume, risonante per mezzo di un tubo di accordo. Si tratta in entrambi i casi di sistemi divenuti popolari soprattutto grazie alla facile implementazione tecnica ed industriale, ma che presentano limitazioni soniche di vario tipo, come la scarsa estensione alle basse frequenze della cassa chiusa e la riproduzione spesso artificiosa del bass reflex.
Una soluzione che supera entrambi questi limiti è la linea di trasmissione, sistema che utilizza un condotto debitamente dimensionato per ricombinare in fase l'emissione anteriore diretta dell'altoparlante con quella posteriore. Il risultato è un basso profondo, frenato e caratterizzato da una bassa colorazione timbrica.
I motivi per cui tale principio è così poco utilizzato dalle aziende produttrici di diffusori sono sostanzialmente due: le linee di trasmissione sono a tutt’oggi assai difficili da progettare ed impongono al diffusore vincoli dimensionali tali da renderlo troppo complesso per la produzione industriale che non sia di altissima qualità ed in numero limitato.
Per quanto riguarda la progettazione, in particolare, basti pensare che nessun software di simulazione commerciale permette ancora il dimensionamento analitico di una linea di trasmissione: le variabili in gioco sono così tante e complesse che è praticamente impossibile riportarle ad un modello generico unico, senza incorrere in approssimazioni che inficerebbero la validità della simulazione stessa.
In altre parole, ogni linea di trasmissione avrebbe bisogno di un suo apposito software per essere correttamente progettata.

Prodotti

Approfondimenti
Le ragioni di una scelta
Albedo: filosofia di progetto
Cos'è la fase acustica
Misurare e interpretare la Fase Acustica